40ena Coworking Stories. In Sicilia, makers attivi 24 ore su 24 per aiutare gli ospedali. Oltre 1.500 valvole per respiratori già consegnate.

40ena-partanna

coworking partanna in quarantenaLa storia che stiamo per raccontarvi è bella per molti motivi.

È bella perché fa vedere come uno spazio collaborativo Coworking + FabLab possa essere un aiuto importante alla comunità territoriale che ha intorno.

È bella perché aiuta a salvare vite umane.

È bella perché da una community – quella dello spazio Coworking + Fablab G55 di Partanna – è nata una nuova community.

È bella perché nasce da un soggetto pubblico, con l’adesione incondizionata ed entusiasta del privato.

È bella perché è una storia di innovazione che arriva da un piccolo comune della valle del Belice in Sicilia: Partanna.

Ecco cos’è successo. Come molti di noi sanno, nel corso della pandemia è emersa l’esigenza di stampare in 3D delle valvole per respiratori: l’improvvisa richiesta in elevate quantità di questi dispositivi ha infatti messo in crisi le unità di soccorso, che si sono ritrovate ad adottare soluzioni impreviste.

Tra queste, una delle più efficaci e smart, prevede che si stampino in 3D delle valvole per respiratori che consentano a due pazienti di respirare con lo stesso respiratore.

Allo spazio Coworking e FabLab G55 di Partanna, non se lo sono fatti dire due volte: da molti giorni, 10 stampanti 3D stampano 24 ore su 24 valvole Dave/Charlotte, connettori, visiere, in quantità che hanno ormai raggiunto e superato i 1.500 pezzi, tutti puntualmente distribuiti negli ospedali e strutture sanitarie della Sicilia.

Nella sventura dell’emergenza, le forze migliori si sono identificate, riconosciute, unite: grazie al lavoro dei makers del G55 è nato un coordinamento – un vero e proprio Network di Makers – al servizio delle strutture al lavoro per combattere il virus: Air Factories, una vera e propria fabbrica distribuita.

Partanna, lo ricordiamo, è un comune di soli 10.000 abitanti in provincia di Trapani: dove l’amministrazione comunale guidata dal Sindaco Nicolò Catania grazie all’instancabile attività del visionario Assessore Antonino Zinnanti sono riusciti a realizzare nel lontano settembre 2016 una struttura denominata G55 con all’interno il 1° Coworking/Fablab totalmente pubblico.

Siamo orgogliosi di avere nel nostro Network una realtà così avanzata e dinamica, che al momento del bisogno ha saputo sfoderare un potenziale straordinario.  Complimenti e grazie per quello che state facendo!