40ena Coworking Stories. Bologna: se il bar è chiuso, il caffè arriva dalla moka di chi abita sopra.

caffe-coworking-bologna

Nel nostro spazio di Coworking…coworking quarantena bologna

raccontano Alessandra e Silvia, Cowo® Manager del Coworking Bologna Quattordicia

…negli ultimi giorni prima della chiusura totale avevamo un disagio.

Non si trattava di “social distancing” o questioni igieniche: su quello ci eravamo attrezzate fin dal primo giorno.

No, il disagio era dato dal fatto che i bar presso cui ci servivamo abitualmente per il caffè di metà mattina erano tutti chiusi.

Ecco allora che l’abitare proprio sopra lo spazio Cowo® ha permesso una integrazione del servizio di Coworking molto gradita:

Un caffè della moka, preparato direttamente da Alessandra o da suo figlio Pietro nella cucina di casa sua, al piano di sopra.Alessandra e Silvia di Cowo Bologna Quattordicia

Un gesto piccolo, ma molto molto gradito.

Fiducia e buon umore – anche ora che non ci stiamo incontrando più quotidianamente, come previsto dalla legge – tra noi non mancano.

Abbiamo sempre fatto in modo di avere rapporti sereni, con piccole attenzioni e qualche regalino ogni tanto (del caffè salentino, specialità gastronomiche della Valle d’Aosta, dove abbiamo contatti di lavoro…): offrire un caffè a metà mattina, proveniente dalla cucina di casa, è venuto spontaneo e naturale.

Ora non vediamo l’ora di poter ripartire e riprendere la vita della nostra piccola-grande community, che tanto ci dà in termini di benessere lavorativo e piacevoli giornate.

Coworking stories in quarantena