Coworking e botteghe rinascimentali del 21° secolo, nel nuovo libro di Francesco Morace.

francesco-morace-libro-coworking

Francesco Morace è un sociologo che non ha bisogno di presentazioni, ed è anche – aspetto che ce lo fa piacere in modo particolare – un sociologo che conosce e frequenta i Coworking.

Siamo stati testimoni, infatti, di una sua bella presentazione sull'”Italian Factor” presso il Cowo® di Sovico, in cui lo spazio brianzolo in questione ha fatto da cornice per una serata in cui si è parlato di molte cose, dal lavoro alla situazione sociale, dall’educazione dei figli al rapporto con il territorio.

Oggi è bello ritrovare, nel pensiero di Morace, la presenza del Coworking, al centro di un interessante passaggio del suo nuovo libro “Il Bello del Mondo”, che riportiamo di seguito.

Il libro parla di molte cose, tra cui valorizzazione del talento, condivisione, prossimità digitale – e, leggendolo, si ha la sensazione che tutte le cose che vengono descritte e auspicate avessero in certo qual modo il Coworking come sfondo, come mondo di riferimento.

Sia come luoghi fisici, sia come tipologia di ambiente.

E la riprova arriva puntuale, a pagina 52;

Bisogna che la pratica filosofica della botteghe rinascimentali, popolate da grandi umanisti che erano poi grandi artisti, ricompaia negli angoli segreti dei co-working e dei Fablab, degli studi di design e architettura o nelle agenzie creative, nelle sperimentazioni fotografiche o nelle video-animazioni più sorprendenti.

Solo la convergenza di battito locale e respiro globale dimostra la capacità di intrecciare materia, immagini e parole, di fantasticare creando racconti e storie, di combinare suoni e colori : la musica, la poesia, il disegno devono costituire l’alfabeto e il sillabario per coinvolgere consumatori e committenti globali, sempre più immersi nella tecnologia eppure sensibili al linguaggio locale della creatività del touch, in tutti i campi e in tutti i settori.

Grazie, Francesco!

E grazie anche ad Alberto per la segnalazione 🙂

Francesco Morace parla di Coworking nel suo nuovo libro